Dalle stelle alle stalle. E poi?

man standing on tree branch during sunset

Eri li.
Camminavi tre metri sopra il cielo.
Pensavi di poter allungare una mano ed afferrare una manciata di stelle.
Eri convinto di essere sulla strada giusta per arrivare a raggiungere i tuoi obiettivi.
Ed all’improvviso la caduta.
Dura.
Rovinosa.

Magari hai sbagliato tu.
Magari pensavi che la persona di cui ti fidavi sarebbe rimasta lì con te. Magari pensavi di aver trovato il compagno, l’amico, il collega, il socio ideale.
E poi improvvisamente, senza alcun preavviso, le strade si dividono.
E tutto ciò che pensavi di stare raggiungendo si allontana tremendamente;
quello che avevi già costruito si sgretola.

A chi non è capitato?
A me di nuovo, per l’ennesima volta.
Ed allora? Come reagisci?
In primo luogo capisci che non puoi avercela con chi ti ha abbandonato: se ha fatto la scelta sbagliata già ne pagherà le conseguenze. E se invece era la scelta giusta perché avresti dovuto impedirgliela.

Devi pensare solo a te, al tuo atteggiamento.
Puoi pensare di inventarti una scorciatoia per eliminare le difficoltà : ma la scorciatoia non esiste, è nelle difficoltà che cresci.
Puoi rinunciare ai tuoi sogni, ai tuoi obiettivi. Ma che vita vivresti?
Oppure quando la vita ancora una volta ti ha buttato per terra…

puoi decidere di alzare lo sguardo, con fierezza,
rialzarti in piedi,
scrollarti la polvere di dosso,
ripianificare il tuo cammino,
fare un bel respiro,
indossare il più bel sorriso che hai
e perseguire i tuoi obiettivi con tutte le tue forze.

BUONA VITA

Rispondi

Powered by WordPress.com.

Up ↑