Lamentarsi…

Lamentarsi è un’abitudine malsana, che ci danneggia soltanto. È un modo comodo per non agire al massimo delle proprie capacità per cambiare la situazione.

Inoltre è una delle radici, forse la più forte, dell’aggravarsi del problema.

In primo luogo perché focalizzerò tutti i miei pensieri sul negativo. Ed il mio umore sarà negativo. Avrò energia negativa, approcci negativi e, molto probabilmente, risultati ancora negativi che andranno a confermare tutta la mia negatività dando però un ulteriore supporto alla stessa ed innescando una spirale capace di trascinarmi sempre più in basso.

In secondo luogo le persone negative non sono piacevoli. Chi di voi gradisce di più stare in compagnia di qualcuno che non perde occasione per gettarvi addosso tutto il suo fango anziché di una persona che vi trasmette positività?

In terzo luogo sto togliendo risorse (tempo ed energia) alla ricerca di una soluzione.

Se tutto questo sembra così logico, perché non viene attuato? Essenzialmente per un innato meccanismo difensivo. Lamentarsi vuol dire trasferire al di fuori di se stessi la responsabilità per la situazione. Demandare ad altri la ricerca di una soluzione. Sentirsi liberi di non ragire perché è dovere di altri far sì che la mia vita migliori. Vuol dire darsi un alibi, non correre rischi…

La realtà è che molto spesso il miglioramento, magari un piccolo miglioramento, è proprio lì, a portata di mano. Basta accendere una candela per non rimanere completamente al buio. E la cosa sorprendente è che una volta accesa magari avró una visione più chiara di quello che mi circonda, della situazione che vivo. E potrò avere la possibilità concreta di fare qualche passo in avanti. Ed un passo alla volta trovare una soluzione. O magari no. Ma sicuramente starò meglio, perché percorrendo quei piccoli passi, andando verso una direzione, avrò la sensazione di avere la vita nelle mie mani anziché subirla.

Quindi…
“Invece di maledire il buio, é meglio accendere una candela “
Lao Tzu

Rispondi

Powered by WordPress.com.

Up ↑